In accompagnamento al video lo scrittore Salinas Hasbùn ha realizzato il seguente testo:

 

As an accompainement to this video, the writer Salinas Hasbùn wrote the following text:

 

 

"Mi sono sempre piaciuti i barattoli di vetro...

 

Puoi mettere spezie, riso, lenticchie, etc.

 

Mantiene le cose dentro, al sicuro, ma puoi anche vederle.

 

Sono protetti ma la luce passa ancora.

 

Mi rende quasi triste dover aprire il barattolo e liberarlo del suo contenuto, della sua forza vitale. Perché alla fine, il barattolo viene attivato solo dalla cosa che protegge: il barattolo protegge il suo contenuto formando la sua forma, crea un terreno di protezione.

 

Il barattolo modella il suo ospite, plasma il suo amante.

 

Cosa significa ascoltare un barattolo vuoto? Cosa sto ascoltando? Non sento protezione.

 

Sento un sibilo claustrofobico, come se il suono venisse risucchiato dall'aria. Il suono non sembra protetto, sembra bloccato, denso, testardo.

 

Tutto sembra così quando viene messo in gabbia in un barattolo?

 

...

 

Mi piace mettere cose nuove in un barattolo. Oggi ho sentito il tintinnio dei ceci, mentre si lanciavano a valanga all'interno dell'apertura e magicamente il barattolo si trasformava in ceci.

 

Una volta riempito, la maggior parte delle persone non vede nemmeno più il barattolo. (È un amante sottile)

 

Mi chiedo: chi si sta godendo la vista, ora che siamo bloccati all'interno del nostro barattolo domestico?

 

Perché non abbiamo mai sentito questo suono testardo prima?

Non siamo sempre stati così? Chiusi verso l'esterno, contenti di guardarci dietro il vetro? Perché c'è qualcosa di diverso adesso?

 

...Forse qualcuno sta guardando dentro adesso. (Ma dobbiamo far entrare un po 'di luce! Altrimenti è troppo buio.)

 

Ho pensato che fare questo film sciocco sul vaso e il suo suono malsano potesse guarirmi, in modo da esorcizzarmi dal mio barattolo.

 

Ma ora penso che ho trasformato l'oggetto del mio esorcismo nel contenuto di un altro barattolo.

 

Capisci cosa intendo?

 

Nel tentativo di proteggermi, mi sono alienato ancora di più. Sto cercando di guarire concettualizzando la distanza che sento, ma la distanza è in primo luogo concettuale. L'unico modo in cui potrei davvero guarire è se uscissi dal barattolo.

 

...Se avessi aperto tutti i barattoli, avessi gettato tutti gli interni a terra e lasciato respirare...

 

Ma poi non avrei niente da mostrare, nessun film su un barattolo, nessun suono, e per di più la mia casa sarebbe stata un disastro.

 

Ma devo uscire da questo "dentro".

Il fischio è nauseante.

 

Non posso continuare a ripetere "l'interno".

 

Ora che ci penso... devo rompere questo barattolo.

 

rompi in mille pezzi!

 

Questo è l'unico suono per questo momento.

 

Mi sono sempre piaciuti i vasetti di vetro.

Ma un barattolo rotto è meglio di un'anima spezzata."

DIARIES FROM A JAR (2020)

 

Tutti i suoni del video sono ripresi dal microfono posto all’interno del barattolo.
Le registrazioni sono avvenute durante il periodo di quarantena da Coronavirus a Torino.
Nessun barattolo è stato maltrattato durante la produzione di questo video.

 

I suoni campionati sono a disposizione di tutti, chi fosse interessato a ricevere una versione completa (circa un'ora e mezza di materiale) e in formato .wav o .aiff mi scriva a una e-mail a marzio.zorio@gmail.com

La capienza del barattolo è di 3100ml

 

Alcuni oggetti usati sono regali o prestiti voluti o casuali di queste persone:

° Anna Ippolito - Stones, piano, mic

° Miriam Corona - Camera

° Nicolás Jaar - Ebow

° Jorge Peris - Poolball

° Raul Gilioli & Elisa - Glass

 

Ringrazio per il supporto psicologico a distanza:

Artsiom Parchynski ° Davide Bava ° Nicolás Jaar ° Paola Francesca Melis ° Edi Guerzoni ° Ilaria Peretti ° Francesca Trincia ° Miriam Corona ° Pico - Mariano Zorio ° Brice Cornelio Coniglio ° Giorgio Milia ° Giulia Monroy ° Alessandro Sciaraffa ° Claudia Lemon ° Stefi Juniper ° e sicuramente molte/i altre/i

 

Questo progetto è tra i vincitori della call "#Racconto Plurale" indetta dalla Fondazione Arte Moderna/Contemporanea CRT

 

 

DIARIES FROM A JAR (2020)

 

 

All the sounds of the video have been recorded with a microphone inside the jar.
The recordings took place during the Coronavirus quarantine period in Turin.
No jars were mistreated during the production of this video.

 

The sampled sounds are available to everyone, whoever is interested on the complete version (approximately one hour and a half) in .wav or .aiff format, feel free to write an e-mail to marzio.zorio@gmail.com

 

The capacity of the jar is 3100ml

 

Some of the used objects are presents or wanted or casual loan from these people:

° Anna Ippolito - Stones, piano, mic

° Miriam Corona - Camera

° Nicolás Jaar - Ebow

° Jorge Peris - Poolball

° Raul Gilioli & Elisa – Glass

 

I thank for the remote psycological support:

Artsiom Parchynski ° Davide Bava ° Nicolás Jaar ° Paola Francesca Melis ° Edi Guerzoni ° Ilaria Peretti ° Francesca

Trincia ° Miriam Corona ° Pico - Mariano Zorio ° Brice Cornelio

Coniglio ° Giorgio Milia ° Giulia Monroy ° Alessandro Sciaraffa °

Claudia Lemon ° Stefi Juniper ° and many other.

 

This project is among the winner of the Call “Racconto Plurale”,  by Fondazione Arte Moderna/Contemporanea CRT

 

Powered by MAANproject

Copyright © 2020 sito di proprietà di Marzio Zorio. All rights reserved.

I contenuti presenti sul sito www.marziozorio.it dei quali è autore il proprietario del sito non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.

E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.