GELEM (2011)

 

Con Gelem abbiamo dato luogo ad una sorta di rituale ancestrale. I sei vasi messi in cerchio ne sono la componente attiva, le bocche da cui riecheggia forte il ticchettio dei metronomi posti al loro interno. Come dei veri e propri cuori, dotati di una propria pulsazione, ognuno ha la propria identità in quanto ogni metronomo è tarato secondo velocità diverse, che si vanno a unificare rendendoli parte di un tutt'uno, suonando all’unisono ogni 12 secondi. La figura centrale, il gelem appunto, materia grezza, embrione, massa ancora priva di forma, come può essere Adamo prima del dono dell’anima, si trova sospeso in passiva attesa. Il caos e l’ordine, che si alternano nei suoni, la circolarità e le trasparenze sono alcune delle caratteristiche principali di quello che per noi è un inno all’esistenza. La migliore fruizione di questo lavoro avviene mettendosi esattamente nel punto in cui si proietta l’ombra della creatura centrale, dove si possono sentire le differenti tonalità, le eco e le direzioni dei battiti, assumendo al contempo un ruolo all’interno di questo processo. Durante l'esposizione è stato invitato a improvvisare sulle pareti dello spazio, ispirandosi al lavoro, il poeta torinese Davide Bava.

 

GELEM, 2011 (a 4 mani con Anna Ippolito).

Scagliola, vetro, silicone, resina epossidica, metronomi.

Dimensioni variabili.

GELEM (2011)

 

With Gelem (2011) we gave life to a sort of ancestral ritual. The six vessels placed in the circle are the active components, the mouths from which reverberates the ticking of the metronomes placed inside them. Like real hearts with their own pulse, each has its own identity as each metronome is calibrated in accordance with different speeds. But they are then unified to make them part of a whole, played in unison every 12 seconds. The central figure, the gelem, a raw material, an embryo, a formless mass, like Adam before receiving the gift of the soul, is suspended in passive waiting; chaos and order, which alternate in the sounds, the circularity and transparency are some of the main features which for us is a hymn to life. To get the best out of this work, one should position oneself exactly at the point where the central creature casts its shadow, and where it is possible to hear the different tones, echoes and directions of the beats, while assuming a role within this process. During the exhibition, the poet from Turin, Davide Bava, was invited to improvise on the walls of the space, inspired by the work.

 

GELEM , 2011 (4 hands with Anna Ippolito).

Plaster, glass, silicone, epoxy, metronomes.

Variable size.

Powered by MAANproject

Copyright © 2020 sito di proprietà di Marzio Zorio. All rights reserved.

I contenuti presenti sul sito www.marziozorio.it dei quali è autore il proprietario del sito non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.

E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.